Villa Welpeloo di 2012Architecten

Villa Welpeloo di 2012Architecten

Villa Welpeloo è un interessante caso di architettura a basso impatto ambientale, progettata dallo studio 2012Architecten, sono olandesi, sono belli e sono biondi.

L’elemento interessante di questa costruzione è l’uso innovativo, per il mondo dell’edilizia, di Google Maps.

La casa è stata realizzata riutilizzando materiali di recupero e di scarto delle fabbriche e dei lotti di terreno abbandonati nelle vicinanze, per trovare queste risorse residuali è sono state utilizzate le mappe di Google Earth.

Individuati i siti, sono stati fatti i sopraluoghi e sono state trovate circa 600 bobine in legno che servivano per contenere cavi in acciaio.

Il legno ricavato da quelle bobine in disuso è perfetto per la parte esterna della casa (tutti i pezzi di legno hanno una unica dimensione), l’acciaio trovato in un vecchio mulino in disuso è stato utilizzato per la struttura portante, i mobili all’interno sono stati realizzati con vecchie insegne, i raggi di alcuni ombrelli sono stati utilizzati per lampada a bassa tensione.

La luce solare è preponderante nell’illuminazione dell’abitazione.