Progettare la propria cucina – Parte secondaDesigning your own kitchen – Part twoDiseñe su propia cocina – Segunda parte

La prima parte su come progettare la propria cucina la trovate qui

INGOMBRI MINIMI DA CONSIDERARE

Zona pranzo:
per una zona pranzo confortevole e ariosa è bene calcolare 120 cm di spazio libero intorno al tavolo.

Tra il tavolo e la parete, ad esempio, occorre che ci sia uno spazio minimo compreso tra 1.2 metri e 1.5 metri, in maniera tale da poter consentire il passaggio comodo di una persona anche quando qualcuno è seduto.
Un metro è sufficiente per poter operare in tutta comodità davanti al forno e alla lavastoviglie, mentre se si vuole anche usufruire del passaggio durante le fasi di lavoro, lo spazio richiesto è di almeno 1.75 metri.
Penisola:
la prima cosa da fare è definirne l’altezza che si desidera. Una penisola alta 110 cm necessita di sgabelli alti 74 cm. Quella alta 90 cm ha bisogno di sgabelli alti 63 cm.

in particolare, nel caso in cui si prendano le misure per persone di media statura l’altezza del banco dovrà essere di 85 cm e di 90 cm per quelle di alta statura, tutto ciò al fine di evitare una postura scorretta.
Il tavolo si posiziona correttamente a 76 cm da terra e di conseguenza la sedia a 46 cm di altezza, questo mix di misure garantisce il massimo della comodità e della praticità quando si sta a tavola.
In una cucina in parallelo, la distanza ottimale tra i due piani di lavoro frontali e tra 1.2 metri e 1.65 metri. Si deve tenere presente che se ci sono dei cassetti sotto i rispettivi piani di lavoro è consigliabile che vi sia la distanza massima.

Per garantirsi libertà di movimento, ai lati del piano cottura è bene lasciare uno spazio libero di almeno 40 cm per parte.

Tra il piano cottura ed il lavello dovrebbe esserci un piano libero di almeno 40 cm.

Tra il piano di lavoro e la cappa dovrebbe esserci una distanza pari a 50/70 cm.

Sarebbe bene che la lavastoviglie fosse posizionata vicino al lavello in modo da ridurre il più possibile il rischi di sporcare.

Il posizionamento del forno a livello degli occhi permette di lavorare più comodamente e garantisce una maggiore sicurezza per i bambini.

Il posto migliore per posizionare gli utensili potrebbe essere un cassetto vicino al piano cottura, in modo da averli sempre a portata di mano.

Per fare in modo che anta e cassetto si aprano meglio, tra l’anta del mobile e la parete, potrebbe essere sistemato un riempitivo.

SOLUZIONI DA EVITARE:
Attenzione: se si vuole posizionare il lavello sotto la finestra, verificare con cura l’altezza di miscelatore e finestra nel caso in cui la finestra si apra verso l’interno.

Evitare di sistemare gli elettrodomestici negli angoli, in quanto potrebbero ostacolare l’apertura degli elettrodomestici stessi e dei mobili adiacenti.

Non mettere cassettiere sugli angoli, non si aprirebbero facilmente e potrebbero rovinare maniglie e pomelli dei mobili attigui. Un riempitivo può essere utile.

Non posizionare il piano cottura contro pareti laterali, in quanto, una soluzione del genere fa perdere spazio di lavoro e si potrebbero annerire e sporcare le pareti.

Please find the first post about designing you own kitchen, here.

MINIMUM DIMENSIONS TO BE CONSIDERED

Dining area:
For a comfortable and airy dining area we should left 120 cm of free space all around the table.

Between your table and the wall, for example, there should be a minimum distance of around 1.2 / 1.5 meters, to allow an easy passage to a person also when someone is sitting.
A meter is enough to comfortably work in front of the oven and the dishwasher, but if you still want to use the pass during the work phases, the space required will be at least 1.75 meters.

Peninsula:
The first thing to do is define the height you want it to have. A 110 cm tall peninsula needs 74 cm tall stools. The 90 cm tall one, requires 63 tall high stools.

For people of average size, the height of the bench should be up to 85 cm, and up to 90 cm for people of tall stature, in order to avoid an incorrect posture.
A table is properly placed at 76 cm from ground and therefor the chairs at 46 cm, this mix of measures ensures maximum comfort and ease when you’re sitting down at the table.
In a parallel kitchen, the optimal distance between the two frontal worktops is between 1.2 meters and 1.65 meters. If there are some drawers under the worktops the maximum distance is preferable.

To ensure yourself freedom of movement, it is good to leave a space of at least 40 cm on either side of the cooktop.

Between a stove and a sink it should be a free worktop of at least 40 cm.

Between the worktop and the hood should be a distance from 50 up to 70 cm.

The dishwasher should be placed near the kitchen sink in order to reduce soiling as much as possible.

To place the oven at an eye level allows you to work more comfortably and ensures greater safety for children.

The best place for your cooking utensils could be a drawer near the stove, so they will be always at hand.

In order for door and drawer to be opened better, it may be settled a filler between the leaf of the cabinet and the wall.

SOLUTIONS TO AVOID:
Warning: If you want to position the sink under your window, carefully check the height of mixing unit and a window when the window opens inward.

Avoid placing appliances at the corners, as they may prevent opening of the appliances themselves and adjacent units.

Do not put drawers on the corners, do not open up easily and may destroy the nearest handles and knobs A filler may be useful..

Do not place the stove against the side walls, because with such a solution you lost workspace and your walls get dirty.

La primera parte sobre el diseño de su propia cocine al encuentra aquí

Dimensiones mínimas a considerar

Comedor:
Para un comedor confortable y amplio hay que calcular unos 120 cm de espacio libre alrededor de la mesa.

Entre la mesa y la pared, por ejemplo, debe haber un espacio mínimo entre 1,2 metros y 1,5 metros, de manera tal que permita el paso a una persona aún cuando alguien esté sentado.
Un metro es suficiente para operar cómodamente en frente del horno y la lavavajillas, pero si usted todavía desea utilizar el pasaje durante las fases de trabajo, el espacio requerido es de al menos 1,75 metros.

Península:
Lo primero que debe hacer es definir la altura que se desea. Una península, de 110 cm de altura necesita taburetes altos 74 cm. Las de 90 cm de altura requiere taburetes altos 63 cm.

En el caso en que se tomen las medidas para personas de estatura media, la altura del mostrador debe ser de 85 cmm y de 90 cm para las de estatura alta, todo esto con el fin de evitar una postura incorrecta.
La mesa está en una posición correcta a 76 cm del suelo y, por consiguiente la silla tiene que estar a 46 cm de altura, estas medidas aseguran el máximo confort y una mayor comodidad a la hora de estar en la mesa.
En una cocina en paralelo, la distancia óptima entre los dos planos de trabajo enfrentados tiene que ser entre 1,2 metros y 1,65. Cabe señalar que si hay cajones bajo los respectivos planos de trabajo es aconsejable que se utilice la distancia máxima.

Para garantizar la libertad de movimiento, es importante dejar un espacio libre mínimo de 40 cm en ambos lados de la cocina

Tra il piano cottura ed il lavello dovrebbe esserci un piano libero di almeno 40 cm.

Tra il piano di lavoro e la cappa dovrebbe esserci una distanza pari a 50/70 cm.

Sarebbe bene che la lavastoviglie fosse posizionata vicino al lavello in modo da ridurre il più possibile il rischi di sporcare.

Il posizionamento del forno a livello degli occhi permette di lavorare più comodamente e garantisce una maggiore sicurezza per i bambini.

El mejor lugar para colocar los utensilios de cocina es sin duda un cajón cerca de la cocina, para que estén siempre a mano.

Para asegurarse de que la puerta y el cajón se abra mejor, entre la puerta del mueble y la pared, se puede colocar un relleno.

SOLUCIONES QUE HAY QUE EVITAR:
Advertencia: Si desea colocar el fregadero bajo la ventana, controle cuidadosamente la altura de la canilla y a de la ventana si la ventana se abre hacia adentro.

Evite colocar electrodomésticos en las esquinas, ya que pueden impedir la apertura de los electrodomésticos mismos y la de los muebles adyacentes.

No coloque cajones en las esquinas, no se abren fácilmente y puede destruir las manijas y perillas de los muebles cercanos. Poner algún relleno puede ser útil.

No coloque la cocina contra las paredes laterales, ya que con esta solución se pierde espacio de trabajo y se podrían ennegrecer y/o ensuciar las paredes.

Progettare la propria cucina – Parte primaDesigning your own kitchen – Part oneDiseñe su propia cocina – Primera parte

La cucina è l’ambiente più complesso all’interno delle nostre case, al suo interno si svolgono una moltitudine di azioni e ogni azione ha bisogno di uno spazio dedicato.

Lo spazio per la preparazione del cibo è sicuramente il più importante, vediamo come organizzarlo razionalmente.

Questo spazio è la base su cui dobbiamo progettare la distribuzione dei mobili della nostra cucina, esistono tre attività principali: lavorazione dei cibi, la cottura e il lavaggio.
È fondamentale che queste azioni siano vicine e che ci si possa muovere liberamente senza fare troppa fatica.
Questi tre elementi li possiamo visualizzare come vertici di un triangolo, in questo modo potremmo visualizzare su una piantina della nostra cucina lo spazio lavoro.

Lo spazio lavoro in cucina
Lo spazio lavoro in cucina

Lo spazio dove muoversi e lavorare in una cucina con i mobili disposti parallelamente permette di accedere comodamente a tutte le funzioni

lo spazio lavoro in una cucina parallela
Lo spazio lavoro in una cucina parallela

In una cucina con una disposizione ad U lo spazio per lavorare è molto più compatto

lo spazio lavoro in una cucina a U
Lo spazio lavoro in una cucina a U

Con una classica disposizione dei mobili in linea lo spazio di lavoro si assottiglia, trasformando il triangolo in una semplice linea retta.

lo spazio lavoro in una cucina lineare
Lo spazio lavoro in una cucina lineare

In una distribuzione dei mobili della cucina a L il triangolo si allunga.

Spazio lavoro in una cucina a L
Spazio lavoro in una cucina a L

Nei prossimi post scriveremo degli ingombri  e degli spazi minimi per ogni attività che si svolge in cucina.

 

follow me on PinspireThe kitchen is the most complex room in our homes, a multitude of actions take place inside it, and each one requires a dedicated space.

The preparing food space is the most important area, let’s see how to organize it rationally.

This space is the base on which we’ll design the furniture distribution in our kitchen and there we must place the three main activities: food processing, cooking and washing.
It’ s essential for these actions to be close and, for us, to have the opportunity move freely with little effort.

We can represent these three elements as the vertices of a triangle, so we can see our working space as a map of our kitchen.

Lo spazio lavoro in cucina
Lo spazio lavoro in cucina

A parallel arranged kitchen furniture allows us to move, work and easily access to all its functions.

lo spazio lavoro in una cucina parallela
Lo spazio lavoro in una cucina parallela

In a U-shaped kitchen we’ll obtain a much more compact working space.

lo spazio lavoro in una cucina a U
Lo spazio lavoro in una cucina a U

With the classical in line furniture arrangement, our workspace tapers, turning the triangle into a single straight line.

lo spazio lavoro in una cucina lineare
Lo spazio lavoro in una cucina lineare

In an L furniture distribution, he triangle is extended.

Spazio lavoro in una cucina a L
Spazio lavoro in una cucina a L

In the next posts we will write about dimensions and clearances required for each one of the activities we held in our kitchens.

follow me on PinspireLa cucina è l’ambiente più complesso all’interno delle nostre case, al suo interno si svolgono una moltitudine di azioni e ogni azione ha bisogno di uno spazio dedicato.

Lo spazio per la preparazione del cibo è sicuramente il più importante, vediamo come organizzarlo razionalmente.

Questo spazio è la base su cui dobbiamo progettare la distribuzione dei mobili della nostra cucina, esistono tre attività principali: lavorazione dei cibi, la cottura e il lavaggio.
È fondamentale che queste azioni siano vicine e che ci si possa muovere liberamente senza fare troppa fatica.
Questi tre elementi li possiamo visualizzare come vertici di un triangolo, in questo modo potremmo visualizzare su una piantina della nostra cucina lo spazio lavoro.

Lo spazio lavoro in cucina
Lo spazio lavoro in cucina

Lo spazio dove muoversi e lavorare in una cucina con i mobili disposti parallelamente permette di accedere comodamente a tutte le funzioni

lo spazio lavoro in una cucina parallela
Lo spazio lavoro in una cucina parallela

In una cucina con una disposizione ad U lo spazio per lavorare è molto più compatto

lo spazio lavoro in una cucina a U
Lo spazio lavoro in una cucina a U

Con una classica disposizione dei mobili in linea lo spazio di lavoro si assottiglia, trasformando il triangolo in una semplice linea retta.

lo spazio lavoro in una cucina lineare
Lo spazio lavoro in una cucina lineare

In una distribuzione dei mobili della cucina a L il triangolo si allunga.

Spazio lavoro in una cucina a L
Spazio lavoro in una cucina a L

Nei prossimi post scriveremo degli ingombri  e degli spazi minimi per ogni attività che si svolge in cucina.