Effetto lavagna su parete del bagno

Divertiti con il bagno

Il bagno è tra le stanze più piccole della casa e, sicuramente, la più colorata e quella dove si può osare di più.

L’arredo, la scelta delle piastrelle, i colori, le resine e la scelta dei sanitari rendono questo spazio profondamente creativo, rilassante e piacevole.
Il tempo che passiamo in bagno deve essere piacevole, ma anche divertente.

Negli Stati Uniti e ormai anche in Europa si sta diffondendo un uso particolare della decorazione trasformando la stanza in un parco giochi.
Utilizzando la pittura che crea l’effetto lavagna si possono creare pareti adatta ad ospitare disegni decorativi che imitano Boiserie o altri effetti grafici realizzati con gessetti colorati.

La cosa che più mi ha colpito è la possibilità di occupare il tempo sprecato sopra la tazza del WC disegnando sulla parete in attesa del lieto evento.

Rustico recuperato

Rustico recuperato

L’Eurispes ha dichiarato nella sua ultima relazione che in Italia vengono cementificati 8 mq/sec di suolo. È un dato impressionante, mentre state leggendo queste parole si sono cementificati 64 mq di territorio.

Questo consumo è figlio di una logica novecentesca, dove il guadagno è proporzionale ai metricubi di edifici e infrastrutture realizzati., ecco perché i recuperi e le ristrutturazioni sono interventi più preziosi e delicati, e questo lavoro degli architetti Giorgio Balestra e Silvia Brocchini (www.bistudioarchitetti.com) a Serra San Quirico (AN) è un bellissimo esempio.

L’immobile prima dell’intervento si presentava così:

È stato bello poter vedere il materiale dello studio con fotografie dei dettagli e soluzioni adottate in questo intervento. Ogni restauro è un mondo indipendente con problemi unici da risolvere dove la differenza viene fatta dall’esperienza del progettista e dalla Impresa costruttrice.
Il risultato finale dell’intervento è ben visibile in questa seconda galleria fotografica.

In questo contesto si inserisce perfettamente la vasca realizzata da Piscine Castiglione, che copre una superficie di 36 mq e presenta un profilo rettangolare allungato, come a protendersi verso la linea dell’orizzonte da una parte e entrare dentro l’edificio dall’altra.

Realizzata in pietra arenaria, come il resto della casa e degli spazi esterni (materiale tipico della zona e adottato nelle costruzioni prima dell’avvento del calcestruzzo) richiama la ricca presenza di acqua, vivacemente percepita dallo scorrere imperterrito dei numerosi ruscelli presenti.

Ristrutturazioni – Agevolazioni fiscali 2013

Ristrutturazioni – Agevolazioni fiscali 2013

Ci sono delle novità nel campo delle ristrutturazione della casa e agevolazioni fiscali.

Evitare errori nella ristrutturazione del bagno
Cosa fare per ristrutturare il proprio bagno

Sono state prorogate le agevolazioni fiscali fino al 31 dicembre 2013 per le ristrutturazioni della propria abitazione, in più anche le detrazioni per i miglioramenti dell’efficienza energetica degli edifici è stata aumentata al 65%.
Mi piace che si agevoli gli interventi di ristrutturazione e recupero degli immobili esistenti, qualsiasi cosa che scardini il sistema miope e speculativo che prevede + metri cubi = + soldi ha il mio plauso, bisogna abbandonare questo anacronistico pensiero economico-speculativo tipico delle piccole menti che popolano il mondo dell’edilizia.

RISTRUTTURAZIONI

Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2013 può fruire della detrazione d’imposta Irpef pari al 50% e si calcola su un limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare.

NOVITA’: è stata riconosciuta la stessa detrazione del 50% anche sulle spese per l’acquisto di mobili destinati all’arredamento dell’immobile ristrutturato. L’agevolazione, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo, va calcolata su un importo massimo di 10.000 euro. Per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota Iva agevolata del 10%.

ECO-BONUS

Agevolazioni sul risparmio energetico Per le spese documentate sostenute a partire dal 1° luglio 2013 fino al 31 dicembre 2013 o fino al 30 giugno 2014 (per le ristrutturazioni importanti dell’intero edificio), spetterà la detrazione dell’imposta lorda per una quota pari al 65% degli importi rimasti a carico del contribuente, ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Se ne volete sapere di più o avete delle domande particolari fatele qui tra i commenti o scrivetemi pure a dadevoti@gmail.com